Una guida locale a Venezia, Italia

È giusto dire che i colori rustici e gli eleganti canali che compongono la città di Venezia, in Italia, non sono tanto una gemma nascosta quanto il gioiello della corona dell’Europa meridionale.

In tutto il mondo, i visitatori affollano i suoi vicoli stretti, così carichi di tradizione e storia, nella speranza di vivere da soli parte della magia iconica della città.

Conoscerete tutti l’ampio e vivace Canal Grande, la decadente Piazza di San Marco e il meravigliosamente caotico Mercato di Rialto; Instagram non ha certo carenza di foto scattate in questi ambiti spot.

Ma oltre la folla e il glamour che si trovano sulla superficie di questa città galleggiante si trova una cultura profondamente radicata conosciuta solo dai residenti di lunga data di Venezia.

Metti da parte le tue guide e scopri la città di Venezia dal punto di vista di un locale con questa guida!

vista dei canali e delle case di venezia

Ghetto ebraico

Una zona residenziale in gran parte tranquilla, il Ghetto Ebraico (o quartiere ebraico) di Venezia è forse il posto migliore della città da cui avere un assaggio della vita locale.

Una piccola parte del più ampio quartiere di Cannaregio, il Ghetto Ebraico era storicamente sede della popolazione ebraica della città sotto la Repubblica di Venezia.

Ora, il Ghetto Ebraico è una visione di vicoli tranquilli e ombreggiati e gente del posto che passeggia lentamente, con piccoli caffè e bar disseminati lungo gli stretti canali.

Per scoprire di più sulla storia della popolazione ebraica di Venezia, visita il Museo Ebraico.

vista delle bandiere veneziane a venezia

Libreria Acqua Alta

Certo, questa libreria unica e peculiare non può più essere considerata un segreto locale.

Siamo sicuri che hai visto le foto di Instagram di questa libreria indipendente unica nel suo genere, che si trova in una strada tranquilla e ignara nel labirinto del centro di Venezia.

Reso famoso dalla sua decorazione eccentrica e dal fascino casuale, la libreria Acqua Alta è una tappa imperdibile per tutti i topi di biblioteca, con libri esposti in pile, su sedie, in equilibrio precario su vecchi scaffali, e – in modo divertente – ammucchiati in vasche da bagno e gondole.

Anche se questo può sembrare semplicemente un modo stravagante per attirare i passanti curiosi, c’è una logica dietro le loro esibizioni: proteggono i libri dalle inondazioni notoriamente distruttive di Venezia.

Assicurati di non perdere la terrazza della libreria, che presenta una scala interamente realizzata con libri, che ti consente una vista unica lungo uno dei numerosi canali che si intrecciano attraverso la città.

Oh, e hanno anche un certo numero di gatti residenti che sonnecchiano in posti inaspettati in tutto il negozio.

vicoli della biblioteca dell'acqua alta

Isola della Giudecca

Quando si tratta di visitare le isole vicine, la maggior parte dei visitatori non guarda oltre Murano e Burano.

Sebbene questi due quartieri siano innegabilmente affascinanti, con la loro architettura vibrante e la geografia insolita, Venezia è in realtà formata da oltre 120 isole diverse, disseminate nella sua pittoresca laguna.

Una di queste isole è vicina alla Giudecca, poco conosciuta dai visitatori per la sua natura prevalentemente residenziale e tranquilla. Sede di una serie di piccoli hotel boutique e ostelli, come quelli alla moda Generatore Venezia, le cui camere offrono una vista ininterrotta sul canale e su Piazza San Marco: quest’isola è anche sede di una manciata di edifici e monumenti suggestivi.

Trascorri un pomeriggio girovagando per quest’isola, che è facilmente raggiungibile in vaporetto – e se scegli di trovare anche un alloggio qui, allora ti garantiamo un’esperienza più tranquilla e locale.

vista di piazza san marco a venezia

Bacareto Da Lele

Se chiedi a un locale la loro cosa preferita su Venezia, è improbabile che nominino l’imponente Basilica di San Marco o il spesso affollato Ponte di Rialto.

Invece, i veri veneziani trovano conforto nella tradizione di lunga data del “Bacaro Tour”: essenzialmente, un bar gira intorno a un certo numero di bar tradizionali più sobri della città.

Il più famoso di questi – e spesso usato come punto di partenza – è il compatto Bacareto Da Lele, situato nell’ombreggiata Fondamenta dei Tolentini.

All’inizio potresti essere sorpreso di scoprire che questo bar è così piccolo, infatti, che non offre posti a sedere. Invece, fai come un locale e porta il tuo vino in un bicchiere di plastica, da gustare lungo le rive del vicino canale.

bacareto da lele a venezia

Ristorante a due colonne

Prosecco alla spina. Pasta servita in ciotole di pasta per pizza. Affascinanti camerieri italiani. Se tutte queste cose contribuiscono alla tua idea del pasto serale perfetto, assicurati di fermarti a Ristorante a due colonne, si stabilì nel cuore del labirintico centro di Venezia.

Oltre a una gamma di piatti più insoliti, questo ristorante offre la migliore cucina del nord Italia, con un menu che include pasta di pesce fresco, insalate estive e pizze tradizionali.

Anche se il cibo qui è, innegabilmente, l’attrazione principale, il personale caloroso e instancabile del ristorante ti assicurerà di lasciare sempre un pezzetto del tuo cuore – e del tuo appetito – qui.

vista di un uomo in gondole a venezia

Museo d’Arte Contemporanea Palazzo Grassi

Non sorprende che per una città così incantevole, così intrisa di magia ultraterrena, Venezia sia ampiamente celebrata per la sua arte.

Anche se spesso oscurato dai numerosi altri musei e gallerie d’arte della città, come il famigerato Museo Guggenheim, il Palazzo Grassi è l’amato centro d’arte contemporanea di Venezia, che offre una serie di mostre che mostrano alcuni degli artisti moderni più talentuosi del mondo.

L’edificio stesso è classico, elegante e tipicamente veneziano, a strapiombo sul vivace Canal Grande, ed era inizialmente noto negli anni ’50 come Centro internazionale per le arti e il costume.

Tra le sue mostre, Palazzo Grassi è noto per ospitare le opere di artisti pionieri come Damien Hirst e Bruce Nauman.

vista di Abi a Venezia su un ponte

Dorsoduro

Lontano dalla folla e dallo spettacolo stravagante del centro di Venezia si trova il Dorsoduro: un quartiere senza pretese a sud dell’isola principale.

Sede della maggior parte della popolazione studentesca della città, il Dorsoduro è adorato per la sua autenticità e la sua vivacità, che prende vita in modo più evidente dopo il tramonto.

Perditi nel groviglio delle sue strade, tuffandoti dentro e fuori dai piccoli bar e ristoranti, per avere davvero un’idea della vita quotidiana locale.

Questa è anche una delle zone migliori della città per provare i tipici Cicchetti: l’equivalente veneziano delle tapas. Ognuno di questi piccoli stuzzichini va gustato con un Aperol Spritz o, più tradizionalmente, un bicchiere di vino locale.

È anche sede di uno degli unici laboratori di gondole rimasti a Venezia.

vista di una gondola a Venezia


Ci auguriamo che questo articolo ti abbia ispirato a visitare Venezia, in Italia. Se hai domande sulla destinazione o hai i tuoi consigli di viaggio da condividere, ti preghiamo di lasciarli nei commenti qui sotto.

Vuoi condividere i tuoi consigli di viaggio scrivendo ospiti per We Are Travel Girls? Vai al nostro Contribuire pagina per le linee guida e per inviare il tuo articolo.



Per saperne di più sull’Italia


Autore

Siamo ambasciatori delle ragazze di viaggio Abi Prowse di Rivista di viaggi
Connesso con Aiuto Instagram | Pinterest | Twitter


Pin per dopo

Venezia da scoprire: una guida locale

Questo articolo potrebbe contenere link di affiliazione, se acquisti qualcosa utilizzando uno dei nostri link potremmo ricevere una commissione. Si prega di consultare il nostro Divulgazioni per maggiori informazioni.

About

Check Also

THE WEEKLY # 247: DIGITAL NOMAD LIFE AD ARUSHA, TANZANIA

L’escursionismo è l’agenda principale qui in Tanzania, ma è stato costante in mezzo a tutti …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!