IL SETTIMANALE #255: DA KATHMANDU A LOS ANGELES A OAHU

È stato un transito infernale. Un percorso un po’ strano e che solo un lockdown può indurre. Ho volato fino a Oahu da Kathmandu come un rifugio sicuro per un mese. Mi sentivo come se Oahu fosse aperta al turismo, improbabile che avesse un focolaio e da qualche parte dove potevo ricaricarmi e godermi un po’ di vita tropicale prima di andare in Pakistan a luglio per raggiungere il K2 Basecamp.

Il viaggio è iniziato alle 22:00 sul volo charter da Kathmandu a Doha con un paio di centinaia di trekker e alpinisti che erano rimasti bloccati anche loro in Nepal. Da lì ho preso un volo di 16 ore da Doha a Los Angeles. I tempi non erano eccezionali e penso di aver accumulato una sfortunata somma di sole tre ore di sonno durante i due giorni di transito.

Sono arrivato a Los Angeles e in realtà ho deciso di rimanere per due notti per un paio di motivi. In primo luogo, ho dovuto prendere alcuni elementi essenziali per il trekking, che non erano disponibili in tutto il mondo (o senza un indirizzo di spedizione). In secondo luogo, per qualche ragione, l’America offre il vaccino contro il Covid a chiunque, anche se non sei americano. Con molti paesi che impongono divieti a coloro che non sono vaccinati, ho colto l’occasione per fare il vaccino mentre ne avevo la possibilità e ho fatto l’iniezione del vaccino Johnson & Johnson a una dose. Spero di non morire nei prossimi mesi e che questa vaccinazione sia sicura come ci è stato promesso, ma per ora lo spettacolo continua e sono considerato completamente vaccinato entro le prossime due settimane.

Stare a Los Angeles per due notti non mi ha affatto invogliato a voler passare altro tempo in questa terra di autostrade, traffico e shopping. Sono stato felice di entrare e uscire rapidamente e di partire per la terra tropicale di Oahu, nelle Hawaii. Mentre ci dirigevamo verso l’hotel dall’aeroporto in taxi, sono stato colpito da una forte nostalgia quando ho riconosciuto molte vecchie strade e negozi dei miei pochi anni di vita sull’isola. È stato bello tornare indietro e sono davvero entusiasta di trascorrere un mese rilassante a Oahu.

Il piano è godersi la spiaggia, percorrere nuovi sentieri, fare un po’ di lavoro e immergersi nella vita tropicale prima di tornare alla vita da trekking in Pakistan. Non ho idea di cosa riserva il resto dell’anno dopo il Pakistan, ma per ora sarò presente e trarrò il massimo dall’essere su una delle isole tropicali più famose al mondo.

About

Check Also

LA GUIDA ALLA ZIPLINE DI OAHU: 4 MIGLIORI TOUR ZIPLINE SU OAHU, HAWAII

Lo ziplining è una grande adrenalina per tutta la famiglia mentre si gode una vacanza …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!